Migrantour Cagliari, nuovi passi sul territorio

Il corso di formazione che coinvolge i nuovi accompagnatori interculturali a Cagliari sta volgendo al termine! Intanto, il Migrantour nascente ha sviluppato legami sul territorio con l’obiettivo di fare rete, perché insieme si lavora con orizzonti più ampi: in particolare, la giornata laboratoriale trascorsa con i ragazzi partecipanti dell’Erasmus Plus nel quartiere Marina, ha fornito a tutti maggiori spunti sull’inclusione e la partecipazione attiva. A questo proposito, Migrantour Cagliari, sollecitato dal partner locale CSV Sardegna Solidale, ha preso parte al campo estivo di Libera Sardegna nel bene confiscato di Gergei – Su Piroi, unendo i valori di scoperta a quelli di legalità e responsabilità civile.

Così il progetto Migrantour Cagliari, che nasce in seno al più ampio Le nostre città invisibili, con capofila Fondazione Acra di Milano e finanziato, su piano nazionale, dall’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo, produce direttamente ed indirettamente i risultati sperati: una maggiore conoscenza delle realtà associative sul territorio, con conseguente integrazione delle collettività e dei singoli, con uno scambio di valori che travalica le provenienze e ci unisce tutti nel rispetto del prossimo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *