Calendario delle visite guidate – settembre 2015

Associazione Amici di Sardegna ONLUS
escursionisti-capoterra gommone murale-orgosolo visita-guidata-parteolla chiesa-San-Pietro-extra-Muros-bosa gruppo2
– Martedi 1° Visita sui monti di Capoterra con i misteri di Santa Barbara. Appuntamento ore 20,30 parcheggi della pizzeria La Terrazza Poggio dei Pini Capoterra con rientro ore 22,00. Con uso di auto propria *. Contributo associativo per escursionisti 5 euro. I soci ordinari e i bambini fino a 10 anni nulla devono,
– Domenica 6 Visita guidata nella Laguna di Santa Gilla. Appuntamento ore 9,00 Piazza Matteotti angolo via Sassari con uso di auto propria *. Contributo associativo per soci escursionisti euro 8. I soci ordinari e i bambini fino a 10 anni nulla devono,
– Mercoledi 9 settembre “Storie di Laguna al chiaro di Luna” alla Torre della IV Regia a Sa Scafa Appuntamento ore 20,30 Parcheggi comunali di fronte alla Oviesse Viale la Playa con rientro ore 22,00. Con uso di auto propria *. Contributo associativo per soci escursionisti 8 euro. I soci ordinari e i bambini fino a 10 anni nulla devono,
– Domenica 13 Visita guidata all’Isola dell’Asinara. Appuntamento ore 5,15 con partenza ore 5,30 Piazza Matteotti angolo via Sassari. Con auto propria o a richiesta Minibus. La visita sarà effettuata a bordo del motoveliero “Asinara” con partenza e rientro da Stintino, con pranzo a bordo. Si effettueranno diverse soste (con visita a Cala Reale e Cala d’Oliva) con possibilità di fare il bagno. Contributo associativo per soci escursionisti 60 euro, per i soci ordinari e i bambini sopra i tre anni 50 euro. A questo importo si deve aggiungere la quota carburante, se si viaggia con auto privata (circa 20/30 euro a persona a seconda del numero di partecipanti) o il costo dell’eventuale minibus da 15 posti (30/35 euro a persona) a seconda del numero di partecipanti). Con rientro ore 21,00 circa,
– Domenica 20 Visita nel più antico viale di Cagliari “Sant’Arennera”, ovvero “Sant’Avendrace” la Via Appia di Cagliari. L’Appuntamento è di fronte la grotta della Vipera alle ore 9,00. La visita si farà interamente a piedi lungo un percorso di circa 2 kilometri, con rientro alle ore 12,30. Contributo associativo per escursionisti 7 euro. I soci ordinari e i bambini fino a 10 anni nulla devono pagano ma solo l’ingresso alla grotta della Vipera.

– Domenica 27  Lagune e stagni dell’oristanese con visita a Torr’ e Seo a c/o Funtana Meiga.  Con possibilità di fare il bagno. Appuntamento ore 7,45 con partenza ore 8,00 Piazza Matteotti angolo via Sassari con uso di auto propria *. Ptanzo al sacco. Contributo associativo per soci escursionisti euro 10. I soci ordinari e i bambini fino a 10 anni nulla devono,
– Domenica 4 ottobre Scopri la Sardegna con il Trenino Verde da Mandas a Gairo  (In fase di definizione)
* Coloro che non desiderano guidare o non avessero l’auto possono utilizzare i mezzi a disposizione dai soci partecipanti. Per ulteriori info e prenotazioni telefonare allo 070 651884 o chiamare il 3334226593 / 3383187899 – Mail: amicidisardegna@tiscali.it – Sitowww.sardiniafriends.com
Per partecipare alle nostre visite guidate è necessario iscriversi

I misteri di Santa Barbara al chiarore delle luna…

Il gruppo Riscoprire Capoterra dell’Associazione  Amici di Sardegna ripropone per il giorno 1 Settembre la passeggiata notturna sui “misteri di Santa Barbara al chiarore delle luna”. Questo importante luogo di culto fu costruito  sui monti di Capoterra nel 1281 ad opera dei monaci vittorini che edificarono anche un piccolo monastero oggi purtroppo compromesso da costruzioni illegali.
I partecipanti lasceranno le proprie auto in un’area nei pressi del borgo e proseguiranno a piedi nel breve percorso, ammirando la magnificenza della volta stellata e del panorama lungo la strada. Una volta giunti e immersi nell’atmosfera del borgo, gli accompagnatori  lasceranno il “testimone” a due curiosi personaggi che, da quel momento in poi, guideranno la visita e illustreranno i misteri di questi magici luoghi.

Appuntamento ore 20,30  presso i parcheggi della pizzeria la Terrazza a Poggio dei Pini. Per ogni partecipante è previsto un contributo di 5 euro al quale sarà dato un simpatico braccialetto ricordo.

Per info e prenotazioni 3408052957 oppure potete scrivere a riscoprirecapoterra@gmail.com 
amicidisardegna@tiscali.it

IMG_2608Un appuntamento da non perdere…

Tuvixeddu: la ragioni di un ennesimo flop turistico-culturale

Oggi è stato pubblicato un articolo su Tuvixeddu ne “L’unione Sarda”. Il taglio è quello di sempre, neutro e soft, riferito ad un generale e diffuso senso di degrado e di abbandono. Traspare dallo stesso l’incapacità di saper gestire non solo una risorsa culturale che a pieno titolo potrebbe essere Monumento Unesco, ma anche e più in generale, tutto il vasto patrimonio culturale e ambientale che la città di Cagliari possiede. Le ragioni e le cause di tutto questo sono molteplici e lontane nel tempo. Dirò solo che fare tanto casino, aver speso tantissimi soldi pubblici per il “parco di Tuvixeddu” è stato praticamente inutile nel senso che se è pur vero che oggi la città di Cagliari ha aperto al pubblico il parco di Tuvixeddu,, bisognerebbe porsi una domanda: “Per chi lo ha aperto e per farne cosa?”.

Tutto sommato e considerato il modo con cui è stato aperto e gestito forse sarebbe stato meglio non aprirlo neppure. Infatti il Comune di Cagliari tratta Tuvixeddu come se fosse una area verde, come un qualsiasi parco urbano aperto al pubblico dalle ….alle… con tanto di cura e di vigilanza sulle piante! In altre parole si è cercato di evidenziare la componente naturalistica e ambientale dell’area a discapito di quella assai più importante e strategica di tipo storico, archeologico e antropologico.

E’ una tristezza vedere “il parco” deserto, frequentato in prevalenza dai proprietari di cani che portano gli animali a fare i propri bisogni. Ma è per questo che la comunità ha speso o spenderà 80 milioni di euro per via della nota e triste vicenda che tutti conosciamo?

Come mai le associazioni che tanto hanno fatto perché si pagassero tali cifre non dicono una parola per lo stato in cui versa l’intero sito?
peraltro l’attuale percorso non consente alcuna interazione con i visitatori, non trasmette nulla se non uno generale stato di degrado e incuria culturale. Le ringhiere non permettono nessuna possibilità di avvicinarsi e vedere una tomba. La notte poi non vie è neanche una tomba illuminata al suo interno e l’impianto di illuminazione presenta diversi punti luce spenti. Non un cartello, una seria indicazione stradale, un area di parcheggi, un punto di accoglienza e informazioni, un punto di ristoro o un luogo dove ripararsi in caso di pioggia o acquistare qualche souvenir e prodotto tipico.

Fino a quando il Comune non capirà che il Verde pubblico si deve occupare di altro il Parco di Tuvixeddu non sarà mai valorizzato.

Se non si capiranno queste elementari osservazioni, provvedendo a “animare la necropoli”, purtroppo il sito di, Tuvixeddu non avrà futuro e la considerazione che merita.anfore

Visitate la più grande necropoli punica del Mediterraneo con le nostre Guide Turistiche abilitate

 

 

In considerazione delle numerose richieste che abbiamo ricevuto e per offrire un servizio da città Capoluogo delle cultura,  si comunica che le Guide Turistiche nostre associate,regolarmente abilitate e iscritte nel Registro Regionale delle GT della Sardegna, organizzano presso la necropoli punica di Tuvixeddu delle visite guidate con il seguente calendario e orario: